Tutti gli articoli

LA SFIDA nella SFIDA: Alimentarsi per 30 giorni dentro la Grotta del Pidocchio.

Il filmmaker palermitano Igor D’India alla fine della sua esperienza dentro la Grotta del Pidocchio all’ Addaura racconta:

Ci tengo a precisare che il team medico ha partecipato liberamente all’esperimento e per la stessa curiosità che mi ha portato a organizzarlo.
Alcuni di loro sono amici di vecchia data, altri sono professionisti che ho incontrato da poco, ma che mi hanno ispirato molta fiducia e che si sono rivelati altrettanto preziosi.
Il loro lavoro è stato svolto soprattutto durante la preparazione, a parte alcuni controlli periodici dello psicologo e del Dott. Napoli del CNSAS.
Questi sono dei brevi feedback che hanno rilasciato per il blog e come testimonianza personale.

Il racconto del Dott. Valter Gregorio, Biologo Nutrizionista

Igor D’India, questo Gennaio, si è presentato nel mio studio con una proposta alquanto inverosimile ma che ha stimolato la mia curiosità. Una volta intervistato e capito le sue motivazioni, ho appoggiato in toto la sua causa, prefissandoci un calo della massa grassa di almeno il 6/8% del peso nei due mesi prima dell’entrata in Grotta.

Il giorno dell’incontro, Igor, pesava 96 kg, così distribuiti: (dati estratti con metodo impedenziometrico) 35% di massa grassa, 65 % di massa magra ed un quantitativo di acqua pari a 46 litri.

Una volta valutati gli ultimi esami del sangue e risultati quest’ultimi nella norma; abbiamo intrapreso insieme un percorso dietetico basato su un calo ponderale armonico, che mantenesse integra la sua massa muscolare.

In 60 gg, Igor, sapientemente allenato, è riuscito a pesare 88 kg (giorno dell’entrata in grotta), mantenendo così la sua massa muscolare (71%) e perdendo solo massa grassa (29%).

Al fine di non perdere il lavoro fatto in quei due mesi, abbiamo insieme delineato un comportamento alimentare da seguire in Grotta.

Abbiamo preferito alimenti facilmente cucinabili e che non avrebbero saturato di odori sgradevoli i luoghi chiusi ed umidi della sua nuova “dimora”. Inoltre, con assoluto appoggio dell’Azienda Penta, abbiamo provato ad intervallare a cibi naturali anche cibi sintetici ipoglucidici, facili da preparare, di discreto sapore e con un apporto proteico molto alto.

igor

Accompagnato da un continuo input di Sali minerali e vitamine, Igor, dopo 60 gg, ha lasciato i luoghi che lo avevano visto unico abitante con un emocromo assolutamente perfetto (cortisolo incluso) ed un peso di 85 kg, di cui 24% di massa grassa e 76% di massa magra, mantenendo un apporto di acqua intra ed extra cellulare costante.

In conclusione, i dati hanno dimostrato, che un regime ipocalorico preparatorio all’entrata in grotta è stato utile ad Igor per affrontare al meglio le situazioni e le difficoltà logistiche della grotta. Una volta dentro, ha ridotto sensibilmente il suo apporto calorico, vuoi per la ridotta attività fisica, vuoi per la mancanza di luce e per il disquilibrio del ritmo circadiano, è riuscito a mantenere integra e ben tonica la sua massa muscolare a scapito della massa grassa.

https://everydayndia.wordpress.com/2012/07/02/resoconti-medici-racconti-dal-sottosuolo/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...